In Landi v. Italy, the Court held that Italian authorities have failed, once again after Talpis, to protect a woman and her son from domestic violence. While the legal framework is adequate to afford protection against acts of violence, prosecutors remained completely passive, despite knowing that Ms. Landi faced a serious and immediate threat to her life.

Nel caso Landi c. Italia, il nostro Paese è stato nuovamente sanzionato, dopo il noto caso Talpis, per violazione degli obblighi positivi di protezione nei confronti di vittime di violenze domestiche. In parti- colare, la Corte, constatata l’adeguatezza del quadro normativo interno quanto a misure disponibili in astratto per proteggere la vittima del reato, ha censurato la totale inerzia della Procura, la quale, seppure informata a più riprese di un rischio grave e imminente per l’incolumità della persona, ha omesso di compiere atti investigativi e, soprattutto, di disporre misure cautelari o altre forme di protezione dell’offeso.

La Corte europea condanna ancora l'Italia per violazione degli obblighi positivi derivanti dall’art. 2 nei confronti di vittime di violenze domestiche / DEI-CAS, Eleonora Anna Alexandra. - In: ARCHIVIO PENALE. - ISSN 2384-9479. - 2(2022), pp. 1-19.

La Corte europea condanna ancora l'Italia per violazione degli obblighi positivi derivanti dall’art. 2 nei confronti di vittime di violenze domestiche

DEI-CAS, Eleonora Anna Alexandra
2022

Abstract

Nel caso Landi c. Italia, il nostro Paese è stato nuovamente sanzionato, dopo il noto caso Talpis, per violazione degli obblighi positivi di protezione nei confronti di vittime di violenze domestiche. In parti- colare, la Corte, constatata l’adeguatezza del quadro normativo interno quanto a misure disponibili in astratto per proteggere la vittima del reato, ha censurato la totale inerzia della Procura, la quale, seppure informata a più riprese di un rischio grave e imminente per l’incolumità della persona, ha omesso di compiere atti investigativi e, soprattutto, di disporre misure cautelari o altre forme di protezione dell’offeso.
1
19
La Corte europea condanna ancora l'Italia per violazione degli obblighi positivi derivanti dall’art. 2 nei confronti di vittime di violenze domestiche / DEI-CAS, Eleonora Anna Alexandra. - In: ARCHIVIO PENALE. - ISSN 2384-9479. - 2(2022), pp. 1-19.
DEI-CAS, Eleonora Anna Alexandra
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Dei-Cas, La Corte europea condanna ancora l'Italia.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione dell'editore (versione pubblicata)
Dimensione 250.88 kB
Formato Adobe PDF
250.88 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11380/1276967
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact