La Corte ricorre nuovamente alla discussa tecnica decisionale inaugurata col caso Cappato