Lo strumento ideato da Jacobson (1995), con l’obiettivo di identificare precocemente le difficoltà di lettura all’interno della popolazione svedese, è stato adattato per la lingua italiana. Si tratta di due prove a somministrazione collettiva: una di lettura di lettere (letter chain) e l’altra di lettura di parole (word chain). Al fine di verificare la validità e l’attendibilità del test, sono state proposte a tutto il campione le prove di lettura di parole e non parole tratte dalla DDE-2 (Sartori et al., 1995; 2007) e la lettura di un brano tratto dalla batteria MT (Cornoldi e Colpo, 1995; 1998). I risultati mostrano come, nella prima fase di apprendimento della lettura, i bambini (in particolare quelli di classe prima) individuino più facilmente le lettere (avvalendosi di una strategia di tipo visivo), per poi passare nelle fasi più avanzate della scolarizzazione, e cioè a partire dalla classe terza quando ormai il processo di acquisizione della lettura risulta automatizzato nella maggior parte dei bambini, a una strategia più di tipo lessicale.

Letter chain e word chain. Un nuovo strumento di screening per l’identificazione dei bambini con difficoltà di lettura / Scorza, Maristella; Boni, Claudia Daria; Scortichini, Francesca; Morlini, Isabella; Stella, Giacomo. - In: DISLESSIA. - ISSN 1724-9767. - STAMPA. - 12:3(2015), pp. 287-301.

Letter chain e word chain. Un nuovo strumento di screening per l’identificazione dei bambini con difficoltà di lettura

SCORZA, Maristella;SCORTICHINI, Francesca;MORLINI, Isabella;STELLA, GIACOMO
2015

Abstract

Lo strumento ideato da Jacobson (1995), con l’obiettivo di identificare precocemente le difficoltà di lettura all’interno della popolazione svedese, è stato adattato per la lingua italiana. Si tratta di due prove a somministrazione collettiva: una di lettura di lettere (letter chain) e l’altra di lettura di parole (word chain). Al fine di verificare la validità e l’attendibilità del test, sono state proposte a tutto il campione le prove di lettura di parole e non parole tratte dalla DDE-2 (Sartori et al., 1995; 2007) e la lettura di un brano tratto dalla batteria MT (Cornoldi e Colpo, 1995; 1998). I risultati mostrano come, nella prima fase di apprendimento della lettura, i bambini (in particolare quelli di classe prima) individuino più facilmente le lettere (avvalendosi di una strategia di tipo visivo), per poi passare nelle fasi più avanzate della scolarizzazione, e cioè a partire dalla classe terza quando ormai il processo di acquisizione della lettura risulta automatizzato nella maggior parte dei bambini, a una strategia più di tipo lessicale.
12
3
287
301
Letter chain e word chain. Un nuovo strumento di screening per l’identificazione dei bambini con difficoltà di lettura / Scorza, Maristella; Boni, Claudia Daria; Scortichini, Francesca; Morlini, Isabella; Stella, Giacomo. - In: DISLESSIA. - ISSN 1724-9767. - STAMPA. - 12:3(2015), pp. 287-301.
Scorza, Maristella; Boni, Claudia Daria; Scortichini, Francesca; Morlini, Isabella; Stella, Giacomo
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2015Dislessia.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione dell'editore (versione pubblicata)
Dimensione 7.47 MB
Formato Adobe PDF
7.47 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11380/1072679
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact