L'azione inibitoria cautelare a tutela dei consumatori: legittimazione ad agire e "giusti motivi di urgenza"