Il Decameron tra divagazione e conoscenza