La Corte di giustizia “inventa” una (dimezzata) vis attractiva concursus internazionale