Il mito del "consumatore produttivo"