Quando l’«immagine» del magistrato si «appanna»