Rivoluzione cartesiana? La fine del vincolo necessario tra società e legislazione nazionale