Il mirabile e il vero nella novella italiana