Burn-out e assistenza. La “sofferenza” che prende gli operatori