Quando la difesa del territorio diventa voto