Il Presidente e la guerra: un’esternazione «sopra le righe»?