Nell’ambito della ricerca volta a quantificare l’incidenza del difettodi venatura sulle cosce di suino pesante e ad indagarne le probabilicause, è stata svolta un’indagine preliminare su 527.318 cosce di suiniprovenienti da 354 allevamenti, utilizzando come criterio di valutazioneil metodo soggettivo in uso nello stabilimento di macellazione. Successivamenteè stato messo a punto un sistema di valutazione del difetto,supportato da standard fotografici e costituito da una scala di 4classi, ove 1 = difetto assente o appena percettibile, 2 = difetto lieve, 3= difetto evidente, 4 = difetto grave. Mediante questo sistema sono statevalutate e classificate 20.453 cosce provenienti da 90 differenti partitedi suini. Dai risultati è emerso che la venatura, valutata secondo ilmetodo in uso nel macello, rappresenta il terzo difetto per ordine di incidenza(7,22%), preceduta dal difetto di eccessiva infiltrazione lipidicaa livello muscolare (7,96%) e dalla scarsa copertura adiposa dellecosce (8,60%). Al crescere della percentuale di carne magra della carcassaè aumentata la percentuale di cosce che presentava il difetto invario grado, mentre è diminuita quella delle cosce appartenenti allaclasse di valutazione 1, considerate senza difetto. Le classi 3 e 4, consideratenon idonee alla produzione di prosciutti DOP, sono aumentatedel 165% e del 200% passando da un contenuto di carne magra dellacarcassa inferiore o pari al 47% ad un contenuto compreso tra il 47-49% o superiore al 49% rispettivamente. Infine, tempi più lunghi nellafase pre-macellazione hanno fatto registrare una maggiore incidenzadel difetto di venatura.

Indagine sul difetto di venatura delle cosce di suino destinate alla produzione del prosciutto di Parma / Russo, V.; LO FIEGO, Domenico Pietro; NANNI COSTA, L.; Tassone, F.. - In: RIVISTA DI SUINICOLTURA. - ISSN 0035-662X. - STAMPA. - 44:(2003), pp. 77-82.

Indagine sul difetto di venatura delle cosce di suino destinate alla produzione del prosciutto di Parma

LO FIEGO, Domenico Pietro;
2003

Abstract

Nell’ambito della ricerca volta a quantificare l’incidenza del difettodi venatura sulle cosce di suino pesante e ad indagarne le probabilicause, è stata svolta un’indagine preliminare su 527.318 cosce di suiniprovenienti da 354 allevamenti, utilizzando come criterio di valutazioneil metodo soggettivo in uso nello stabilimento di macellazione. Successivamenteè stato messo a punto un sistema di valutazione del difetto,supportato da standard fotografici e costituito da una scala di 4classi, ove 1 = difetto assente o appena percettibile, 2 = difetto lieve, 3= difetto evidente, 4 = difetto grave. Mediante questo sistema sono statevalutate e classificate 20.453 cosce provenienti da 90 differenti partitedi suini. Dai risultati è emerso che la venatura, valutata secondo ilmetodo in uso nel macello, rappresenta il terzo difetto per ordine di incidenza(7,22%), preceduta dal difetto di eccessiva infiltrazione lipidicaa livello muscolare (7,96%) e dalla scarsa copertura adiposa dellecosce (8,60%). Al crescere della percentuale di carne magra della carcassaè aumentata la percentuale di cosce che presentava il difetto invario grado, mentre è diminuita quella delle cosce appartenenti allaclasse di valutazione 1, considerate senza difetto. Le classi 3 e 4, consideratenon idonee alla produzione di prosciutti DOP, sono aumentatedel 165% e del 200% passando da un contenuto di carne magra dellacarcassa inferiore o pari al 47% ad un contenuto compreso tra il 47-49% o superiore al 49% rispettivamente. Infine, tempi più lunghi nellafase pre-macellazione hanno fatto registrare una maggiore incidenzadel difetto di venatura.
44
77
82
Indagine sul difetto di venatura delle cosce di suino destinate alla produzione del prosciutto di Parma / Russo, V.; LO FIEGO, Domenico Pietro; NANNI COSTA, L.; Tassone, F.. - In: RIVISTA DI SUINICOLTURA. - ISSN 0035-662X. - STAMPA. - 44:(2003), pp. 77-82.
Russo, V.; LO FIEGO, Domenico Pietro; NANNI COSTA, L.; Tassone, F.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11380/453937
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact