Decree 172 (12/4/2020) has accelerated innovations in assessment and didactics in primary schools. The shift away from grade evaluation toward descriptive assessment, formative feedback and self-evaluation implies an active, competence-based teaching method, which is clear in its observation tools. To walk this path effectively, teachers and trainers need to tackle complex processes. Different visions of children and learning, assessment and evaluation, connections between learning objectives, planned activities and evidence gathering are all ingredients in this complex picture. This article presents a case-study, which analyses and reflects on this complexity to structure research-training modules for teachers. It focuses on the design and assessment of activities. The goal is to define the difficulties, limitations and opportunities the decree provides to design meaningful training modules for schools.

L’ordinanza 172 (4/12/2020) ha imposto un’accelerazione ai processi di innovazione didattica, già in atto nella scuola primaria. Solo una didattica attiva, basata sulle competenze, con strumenti osservativi puntuali e prove di verifica valide ed attendibili può sostenere il passaggio a giudizio descrittivo, feedback, autovalutazione. Accompagnare i docenti in questo percorso impone di entrare in processi complessi dove si intrecciano visioni diverse su bambini ed apprendimento, aspetti formativi e certificativi della valutazione, connessioni tra obiettivi di apprendimento, attività progettate e raccolta di evidenze. Si presenta uno studio di caso, finalizzato a strutturare percorsi di ricerca-formazione (r-f) che incidano sulle pratiche dei docenti. Lo studio si concentra su progettazione didattica per sostenere l’approccio criteriale alla valutazione. Lo scopo è mettere a fuoco difficoltà, limiti e potenzialità insite nel cambiamento, per progettare percorsi di costruzione di senso e formazione per le scuole.

Formare a progettare e valutare partendo dal vissuto degli insegnanti / Landi, L.. - In: PEDAGOGIA OGGI. - ISSN 2611-6561. - XX:1/2022(2022), pp. 147-153. [10.7346/PO-012022-19]

Formare a progettare e valutare partendo dal vissuto degli insegnanti

Landi, L.
2022-01-01

Abstract

L’ordinanza 172 (4/12/2020) ha imposto un’accelerazione ai processi di innovazione didattica, già in atto nella scuola primaria. Solo una didattica attiva, basata sulle competenze, con strumenti osservativi puntuali e prove di verifica valide ed attendibili può sostenere il passaggio a giudizio descrittivo, feedback, autovalutazione. Accompagnare i docenti in questo percorso impone di entrare in processi complessi dove si intrecciano visioni diverse su bambini ed apprendimento, aspetti formativi e certificativi della valutazione, connessioni tra obiettivi di apprendimento, attività progettate e raccolta di evidenze. Si presenta uno studio di caso, finalizzato a strutturare percorsi di ricerca-formazione (r-f) che incidano sulle pratiche dei docenti. Lo studio si concentra su progettazione didattica per sostenere l’approccio criteriale alla valutazione. Lo scopo è mettere a fuoco difficoltà, limiti e potenzialità insite nel cambiamento, per progettare percorsi di costruzione di senso e formazione per le scuole.
14-mar-2022
XX
1/2022
147
153
Formare a progettare e valutare partendo dal vissuto degli insegnanti / Landi, L.. - In: PEDAGOGIA OGGI. - ISSN 2611-6561. - XX:1/2022(2022), pp. 147-153. [10.7346/PO-012022-19]
Landi, L.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
147-153 - 19 LANDI.pdf

Open access

Tipologia: Versione pubblicata dall'editore
Dimensione 543.32 kB
Formato Adobe PDF
543.32 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
Pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11380/1292425
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact