David Lynch e la pubblicità