Calvino, Celati e il narrare in forme brevi