Il presente lavoro si prefigge l’obiettivo di individuare dei marker in grado di distinguere l’origine geografica delle arance siciliane e calabresi, che insieme costituiscono oltre il 90% dell’intera produzione italiana. La distribuzione degli acidi idrossicinnamici nei succhi si è rivelata efficace per discriminare l’origine geografica delle varietà a polpa rossa, ma è inidonea per discriminare quelle a polpa bionda. Quale criterio diagnostico è stata analizzata e discussa la distribuzione degli amminoacidi liberi nei succhi. Pertanto, nel corso dell’annata arancicola 2007-2008, sono stati prelevati presso diverse aziende agrumicole siciliane e calabresi 70 differenti campioni di arance di varietà bionde e pigmentate. Sono stati determinati 19 amminoacidi con la metodologia HPLC con rivelatore a fluorescenza, previa derivatizzazione. Gli amminoacidi sono stati quantificati mediante calibrazione esterna ed espressi in mmol/L, e i dati sperimentali sono stati elaborati con trattamenti statistici descrittivi e multivariati. Il contenuto di arginina nei succhi può essere considerato un marker di varietà e di origine geografica, ma anche altri amminoacidi (acido aspartico, asparagina, serina, glicina e prolina) contribuiscono a discriminare nettamente le varietà bionde siciliane da quelle calabresi.

La distribuzione degli amminoacidi liberi quale criterio per accertare l’origine geografica delle arance bionde e pigmentate / Licciardello, F; Tomaselli, F; Maccarone, E. - 9:(2010), pp. 363-367. ((Intervento presentato al convegno 9° Congresso Italiano di Scienza e Tecnologia degli Alimenti tenutosi a Fiera Milano, Rho (MI) nel 11-12 giugno 2009.

La distribuzione degli amminoacidi liberi quale criterio per accertare l’origine geografica delle arance bionde e pigmentate

LICCIARDELLO F;
2010

Abstract

Il presente lavoro si prefigge l’obiettivo di individuare dei marker in grado di distinguere l’origine geografica delle arance siciliane e calabresi, che insieme costituiscono oltre il 90% dell’intera produzione italiana. La distribuzione degli acidi idrossicinnamici nei succhi si è rivelata efficace per discriminare l’origine geografica delle varietà a polpa rossa, ma è inidonea per discriminare quelle a polpa bionda. Quale criterio diagnostico è stata analizzata e discussa la distribuzione degli amminoacidi liberi nei succhi. Pertanto, nel corso dell’annata arancicola 2007-2008, sono stati prelevati presso diverse aziende agrumicole siciliane e calabresi 70 differenti campioni di arance di varietà bionde e pigmentate. Sono stati determinati 19 amminoacidi con la metodologia HPLC con rivelatore a fluorescenza, previa derivatizzazione. Gli amminoacidi sono stati quantificati mediante calibrazione esterna ed espressi in mmol/L, e i dati sperimentali sono stati elaborati con trattamenti statistici descrittivi e multivariati. Il contenuto di arginina nei succhi può essere considerato un marker di varietà e di origine geografica, ma anche altri amminoacidi (acido aspartico, asparagina, serina, glicina e prolina) contribuiscono a discriminare nettamente le varietà bionde siciliane da quelle calabresi.
9° Congresso Italiano di Scienza e Tecnologia degli Alimenti
Fiera Milano, Rho (MI)
11-12 giugno 2009
9
363
367
Licciardello, F; Tomaselli, F; Maccarone, E
La distribuzione degli amminoacidi liberi quale criterio per accertare l’origine geografica delle arance bionde e pigmentate / Licciardello, F; Tomaselli, F; Maccarone, E. - 9:(2010), pp. 363-367. ((Intervento presentato al convegno 9° Congresso Italiano di Scienza e Tecnologia degli Alimenti tenutosi a Fiera Milano, Rho (MI) nel 11-12 giugno 2009.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11380/1164030
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact