Quale era l’effetto previsto? Su due conversazioni con Umberto Eco