Liberalismo giuridico e diritto all'infelicità