Natalia Ginzburg, una scrittura onesta e trasparente