Il metodo di Michael Walzer: tra "arte di tracciar confini" e "mani sporche"