Negli ultimi anni è aumentato l’impiego di nanoTiO2 grazie alle proprietà chimiche e fisiche che la caratterizzano, quali il forte potere ossidante, l’iperidrofilicità e le proprietà antibatteriche che la rendono particolarmente interessante per la preparazione di materiali nanocompositi con caratteristiche autopulenti, antiappannamento ed antibatteriche. Il vetro autopulente rappresenta una delle principali applicazioni in ambito edile/architettonico di materiali funzionalizzati con nanoTiO2. Quando il vetro viene colpito da raggi UV, la nanoTiO2 viene attivata generando, grazie al fenomeno della fotocatalisi, la riduzione della maggior parte dei contaminanti presenti nell'aria e/o depositati sulla superficie del materiale. Il presente studio riguarda l’ecodesign, eseguito attraverso la metodologia LCA (Life Cycle Assessment), della realizzazione su scala industriale di un vetro float autopulente partendo da dati di laboratorio.

Analisi LCA di un vetro float autopulente funzionalizzato con nanoTiO2 / Pini, Martina; CEDILLO GONZALEZ, ERIKA IVETH; Marinelli, Simona; Paolo, Neri; Siligardi, Cristina; Ferrari, Anna Maria. - ELETTRONICO. - -:(2013), pp. 177-184. ((Intervento presentato al convegno VII Convegno della Rete Italiana LCA tenutosi a Milano nel 27-28 giugno.

Analisi LCA di un vetro float autopulente funzionalizzato con nanoTiO2

PINI, MARTINA;Erika Iveth Cedillo González1;MARINELLI, SIMONA;SILIGARDI, Cristina;FERRARI, Anna Maria
2013-01-01

Abstract

Negli ultimi anni è aumentato l’impiego di nanoTiO2 grazie alle proprietà chimiche e fisiche che la caratterizzano, quali il forte potere ossidante, l’iperidrofilicità e le proprietà antibatteriche che la rendono particolarmente interessante per la preparazione di materiali nanocompositi con caratteristiche autopulenti, antiappannamento ed antibatteriche. Il vetro autopulente rappresenta una delle principali applicazioni in ambito edile/architettonico di materiali funzionalizzati con nanoTiO2. Quando il vetro viene colpito da raggi UV, la nanoTiO2 viene attivata generando, grazie al fenomeno della fotocatalisi, la riduzione della maggior parte dei contaminanti presenti nell'aria e/o depositati sulla superficie del materiale. Il presente studio riguarda l’ecodesign, eseguito attraverso la metodologia LCA (Life Cycle Assessment), della realizzazione su scala industriale di un vetro float autopulente partendo da dati di laboratorio.
VII Convegno della Rete Italiana LCA
Milano
27-28 giugno
-
177
184
Pini, Martina; CEDILLO GONZALEZ, ERIKA IVETH; Marinelli, Simona; Paolo, Neri; Siligardi, Cristina; Ferrari, Anna Maria
Analisi LCA di un vetro float autopulente funzionalizzato con nanoTiO2 / Pini, Martina; CEDILLO GONZALEZ, ERIKA IVETH; Marinelli, Simona; Paolo, Neri; Siligardi, Cristina; Ferrari, Anna Maria. - ELETTRONICO. - -:(2013), pp. 177-184. ((Intervento presentato al convegno VII Convegno della Rete Italiana LCA tenutosi a Milano nel 27-28 giugno.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
V2013-Atti_LCA_2013 vetro float.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione dell'autore revisionata e accettata per la pubblicazione
Dimensione 388.31 kB
Formato Adobe PDF
388.31 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11380/964497
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact