Biocompatibilità di un nuovo materiale per difetti parodontali