Il periodo transitorio di 3 anni (18 gennaio 1999 - 31 dicembre 2001) e` stato fissato con l’obiettivo di lasciare un congruo lasso temporale agli operatori per affrontare il passaggio alla moneta unica in modo graduale e senza traumi. A conferma di questo intento e` stato introdotto il principio nessun obbligo nessun divieto, a valere durante tutto questo periodo. Non si e` voluto, infatti, imporre un comportamento obbligatorio e predefinito ma si e` lasciata liberta` d’azione circa le linee da seguire per il passaggio all’euro. Di fatto, come risulta da diverse indagini effettuate a livello nazionale, la maggior parte delle piccole e medie imprese non ha sfruttato questo periodo e si trova negli ultimi mesi del periodo transitorio senza aver ancora effettuato il passaggio alla moneta unica, ne´ programmato o ipotizzato la data e le modalita` con cui predisporlo. Il passaggio all’euro e` un processo che investe tutte le aree aziendali; la transizione non puo` dunque essere ulteriormente rimandata. Richiede invece un approccio diretto e immediato, al fine di definire le relative fasi di attuazione. Nel prosieguo verra` tracciato un quadro dei principali impatti sull’area amministrativo contabile che conseguono all’introduzione dell’euro, soffermando l’attenzione su alcune problematiche specifiche di tale area

«Passaggio» all’Euro, coinvolta l’area amministrativo-contabile / Ferrari, Mascia. - In: AMMINISTRAZIONE & FINANZA. - ISSN 1971-5013. - ELETTRONICO. - 20:(2001), pp. 8-18.

«Passaggio» all’Euro, coinvolta l’area amministrativo-contabile

FERRARI, Mascia
2001

Abstract

Il periodo transitorio di 3 anni (18 gennaio 1999 - 31 dicembre 2001) e` stato fissato con l’obiettivo di lasciare un congruo lasso temporale agli operatori per affrontare il passaggio alla moneta unica in modo graduale e senza traumi. A conferma di questo intento e` stato introdotto il principio nessun obbligo nessun divieto, a valere durante tutto questo periodo. Non si e` voluto, infatti, imporre un comportamento obbligatorio e predefinito ma si e` lasciata liberta` d’azione circa le linee da seguire per il passaggio all’euro. Di fatto, come risulta da diverse indagini effettuate a livello nazionale, la maggior parte delle piccole e medie imprese non ha sfruttato questo periodo e si trova negli ultimi mesi del periodo transitorio senza aver ancora effettuato il passaggio alla moneta unica, ne´ programmato o ipotizzato la data e le modalita` con cui predisporlo. Il passaggio all’euro e` un processo che investe tutte le aree aziendali; la transizione non puo` dunque essere ulteriormente rimandata. Richiede invece un approccio diretto e immediato, al fine di definire le relative fasi di attuazione. Nel prosieguo verra` tracciato un quadro dei principali impatti sull’area amministrativo contabile che conseguono all’introduzione dell’euro, soffermando l’attenzione su alcune problematiche specifiche di tale area
20
8
18
«Passaggio» all’Euro, coinvolta l’area amministrativo-contabile / Ferrari, Mascia. - In: AMMINISTRAZIONE & FINANZA. - ISSN 1971-5013. - ELETTRONICO. - 20:(2001), pp. 8-18.
Ferrari, Mascia
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
articolo ipsoa area amminist contabile.pdf

non disponibili

Tipologia: Post-print dell'autore (bozza post referaggio)
Dimensione 134.55 kB
Formato Adobe PDF
134.55 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11380/863509
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact