E se affidassimo i musei alla creatività di artisti?