Il lavoro individua le caratteristiche della concezione istituzionale di Sinibaldo dei Fieschi (Papa Innocenzo IV), che possono essere sintetizzate come segue. Il concetto isitituzionale (collegium, corpus, dignitas) è espressione di una finzione, che identifica come centro unitario di imputazione dell’azione un’organizzazione permanente, costituita mediante un atto autoritativo. L’organizzazione si compone di individui e di beni ed è, però, indipendente da un punto di vista temporale da questa sua base materiale. Ad essa sono imposti fini pubblici o sociali e perciò le vengono attribuiti diritti e privilegi particolari e la potestà giudiziale nei confronti dei propri membri. Pertanto essa è anche un centro di potere, che di volta in volta può essere spirituale, politico o sociale (collegia professionum). Inoltre, il potere di cui l’istituzione è titolare trova la sua legittimazione in riferimento alla sacralità della fonte autoritativa che l’ha costituita e riconosciuta: in ultima istanza, Dio stesso, il quale ha voluto l’ecclesia per condurre l’uomo sulla via della giustizia e della salvezza eterna.

Alle origini dell'idea di istituzione: il concetto di "collegium" come "persona ficta" in Sinibaldo dei Fieschi / Belvisi, Francesco. - In: MATERIALI PER UNA STORIA DELLA CULTURA GIURIDICA. - ISSN 1120-9607. - STAMPA. - XXIII, 1:(1993), pp. 3-23.

Alle origini dell'idea di istituzione: il concetto di "collegium" come "persona ficta" in Sinibaldo dei Fieschi

BELVISI, Francesco
1993

Abstract

Il lavoro individua le caratteristiche della concezione istituzionale di Sinibaldo dei Fieschi (Papa Innocenzo IV), che possono essere sintetizzate come segue. Il concetto isitituzionale (collegium, corpus, dignitas) è espressione di una finzione, che identifica come centro unitario di imputazione dell’azione un’organizzazione permanente, costituita mediante un atto autoritativo. L’organizzazione si compone di individui e di beni ed è, però, indipendente da un punto di vista temporale da questa sua base materiale. Ad essa sono imposti fini pubblici o sociali e perciò le vengono attribuiti diritti e privilegi particolari e la potestà giudiziale nei confronti dei propri membri. Pertanto essa è anche un centro di potere, che di volta in volta può essere spirituale, politico o sociale (collegia professionum). Inoltre, il potere di cui l’istituzione è titolare trova la sua legittimazione in riferimento alla sacralità della fonte autoritativa che l’ha costituita e riconosciuta: in ultima istanza, Dio stesso, il quale ha voluto l’ecclesia per condurre l’uomo sulla via della giustizia e della salvezza eterna.
XXIII, 1
3
23
Alle origini dell'idea di istituzione: il concetto di "collegium" come "persona ficta" in Sinibaldo dei Fieschi / Belvisi, Francesco. - In: MATERIALI PER UNA STORIA DELLA CULTURA GIURIDICA. - ISSN 1120-9607. - STAMPA. - XXIII, 1:(1993), pp. 3-23.
Belvisi, Francesco
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11380/855895
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact