L’articolo affronta le specifiche e delicate questioni sollevate dall’accesso alla navigazione web ed alla posta elettronica da parte del lavoratore durante l’orario di lavoro; questioni che hanno polarizzato il dibattito dottrinale e giurisprudenziale sull’art. 4 dello Statuto dei lavoratori sul divieto di controllo a distanza. L’analisi delle suddette questioni offrono lo spunto anche per un esame della giurisprudenza dell’Unione europea in tema di diritto alla riservatezza ed alla protezione dei dati personali (sanciti nella Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea). Si passa quindi ad esaminare come vive il Codice della privacy la normale impresa italiana (industriale, di grande distribuzione, di servizi) che svolge la sua attività in un mondo di concorrenza. I punti nevralgici esaminati sono due. Il primo riguarda la sicurezza del sistema informatico aziendale rispetto all’esterno. Il secondo è quello di garantire un controllo sull’attività dei lavoratori che sia adeguato alle esigenze di tutela dell’attività che si prefigge l’impresa, ma al contempo non intrusivo nei confronti della sfera personale del lavoratore. La tesi espressa dall’Autore è quella della persistenze attualità dell’art. 4 della legge n. 300/1970.

Potere di controllo "informatico" del datore di lavoro e tutela della privacy del lavoratore / Allamprese, Andrea. - STAMPA. - (2012), pp. 19-26.

Potere di controllo "informatico" del datore di lavoro e tutela della privacy del lavoratore

ALLAMPRESE, Andrea
2012

Abstract

L’articolo affronta le specifiche e delicate questioni sollevate dall’accesso alla navigazione web ed alla posta elettronica da parte del lavoratore durante l’orario di lavoro; questioni che hanno polarizzato il dibattito dottrinale e giurisprudenziale sull’art. 4 dello Statuto dei lavoratori sul divieto di controllo a distanza. L’analisi delle suddette questioni offrono lo spunto anche per un esame della giurisprudenza dell’Unione europea in tema di diritto alla riservatezza ed alla protezione dei dati personali (sanciti nella Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea). Si passa quindi ad esaminare come vive il Codice della privacy la normale impresa italiana (industriale, di grande distribuzione, di servizi) che svolge la sua attività in un mondo di concorrenza. I punti nevralgici esaminati sono due. Il primo riguarda la sicurezza del sistema informatico aziendale rispetto all’esterno. Il secondo è quello di garantire un controllo sull’attività dei lavoratori che sia adeguato alle esigenze di tutela dell’attività che si prefigge l’impresa, ma al contempo non intrusivo nei confronti della sfera personale del lavoratore. La tesi espressa dall’Autore è quella della persistenze attualità dell’art. 4 della legge n. 300/1970.
Liber Amicorum. Spunti di diritto del lavoro in dialogo con Bruno Veneziani
9788866111191
Cacucci
ITALIA
Potere di controllo "informatico" del datore di lavoro e tutela della privacy del lavoratore / Allamprese, Andrea. - STAMPA. - (2012), pp. 19-26.
Allamprese, Andrea
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Liber Amicorum.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione dell'editore (versione pubblicata)
Dimensione 1.6 MB
Formato Adobe PDF
1.6 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11380/806889
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact