Il canto gregoriano tra impero carolingio e governo della Chiesa