Il lavoro discute due aspetti dei segnali di rappresentazione e ricostruzione di discorsi (RRD) particolarmente problematici per il trattamento automatico: 1) la loro frequente «indiscretezza», corrispondendo spesso a una rete di segnali non specializzati distribuiti nel testo; 2) la loro frequente natura «parassitaria», il corrispondere cioè a estensioni semantiche e funzionali (basate su sollecitazione di inferenze) di un significato primario non direttamente collegato alla RRD (cf. it. tipo e ingl. like). La RRD è sempre un’azione consapevole da parte del locutore e anche il segnale meno esplicito di RRD viene usato per essere riconosciuto dall’interlocutore. È quindi necessario postulare un continuum di segnali di RRD dai più espliciti (non richiedenti particolare lavoro interpretativo) ai più impliciti (richiedenti maggior lavoro interpretativo). Questi ultimi possono essere spesso definiti (sulle orme di Grice) segnali di RRD non convenzionali o conversazionali, talvolta parzialmente generalizzabili e talvolta non generalizzabili.

I segnali indiscreti: il riconoscimento della rappresentazione e ricostruzione di discorsi (o discorso riportato) / Calaresu, Emilia Maria. - STAMPA. - 178:(2013), pp. 81-98. [10.3726/978-3-0351-0583-4]

I segnali indiscreti: il riconoscimento della rappresentazione e ricostruzione di discorsi (o discorso riportato)

CALARESU, Emilia Maria
2013

Abstract

Il lavoro discute due aspetti dei segnali di rappresentazione e ricostruzione di discorsi (RRD) particolarmente problematici per il trattamento automatico: 1) la loro frequente «indiscretezza», corrispondendo spesso a una rete di segnali non specializzati distribuiti nel testo; 2) la loro frequente natura «parassitaria», il corrispondere cioè a estensioni semantiche e funzionali (basate su sollecitazione di inferenze) di un significato primario non direttamente collegato alla RRD (cf. it. tipo e ingl. like). La RRD è sempre un’azione consapevole da parte del locutore e anche il segnale meno esplicito di RRD viene usato per essere riconosciuto dall’interlocutore. È quindi necessario postulare un continuum di segnali di RRD dai più espliciti (non richiedenti particolare lavoro interpretativo) ai più impliciti (richiedenti maggior lavoro interpretativo). Questi ultimi possono essere spesso definiti (sulle orme di Grice) segnali di RRD non convenzionali o conversazionali, talvolta parzialmente generalizzabili e talvolta non generalizzabili.
2014
Le Discours Rapporté: approches linguistiques et perspectives didactiques
Cécile DESOUTTER; Caroline MELLET
9783034312929
PETER LANG
SVIZZERA
I segnali indiscreti: il riconoscimento della rappresentazione e ricostruzione di discorsi (o discorso riportato) / Calaresu, Emilia Maria. - STAMPA. - 178:(2013), pp. 81-98. [10.3726/978-3-0351-0583-4]
Calaresu, Emilia Maria
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Calaresu 2013 - I segnali indiscreti.pdf

non disponibili

Descrizione: articolo principale
Tipologia: Versione dell'editore (versione pubblicata)
Dimensione 617.72 kB
Formato Adobe PDF
617.72 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11380/713634
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 0
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact