Il ‘volto’ di Guido d’Arezzo nel primo cecilianesimo italiano