Il giudice inglese e la salvaguardia dei diritti