I nutrienti influenzano lo stato di nutrizione di un soggetto attraverso diverse variabili quali l’introduzione, l’assorbimento e l’utilizzazione degli stessi. Indagare queste variabili, tuttavia, risulta essere poco funzionale mentre possiamo efficacemente concentrarci soltanto su una di queste tre, l’utilizzazione, che risulta direttamente influenzata dalle due precedenti. Illustrando il concetto di utilizzazione possiamo vedere, secondo un modello operativo dinamico, come lo stato di salute sia legato in modo biunivoco allo stato nutrizionale (OMS/WHO, 1998) attraverso due grandi variabili: quella psico-sociale e quella biologica. Di queste due macrocomponenti la variabile biologica risulta costituita da composizione corporea, bilancio energetico e funzioni corporee che sono valutabili dal nutrizionista attraverso metodiche invasive e metodiche non-invasive. Lo studio della composizione corporea è il miglior indicatore a lungo termine dello stato nutrizionale della persona poiché riflette la disponibilità pregressa di nutrienti. Queste caratteristiche risultano particolarmente evidenti in una popolazione altamente specifica e ben caratterizzata.

La composizione corporea: dal laboratorio alla clinica / Pellegrini, Massimo; Malavolti, Marcella; Busacchi, M; Battistini, Nino Carlo. - STAMPA. - 20:(2012), pp. 159-167.

La composizione corporea: dal laboratorio alla clinica

PELLEGRINI, Massimo;MALAVOLTI, Marcella;BATTISTINI, Nino Carlo
2012-01-01

Abstract

I nutrienti influenzano lo stato di nutrizione di un soggetto attraverso diverse variabili quali l’introduzione, l’assorbimento e l’utilizzazione degli stessi. Indagare queste variabili, tuttavia, risulta essere poco funzionale mentre possiamo efficacemente concentrarci soltanto su una di queste tre, l’utilizzazione, che risulta direttamente influenzata dalle due precedenti. Illustrando il concetto di utilizzazione possiamo vedere, secondo un modello operativo dinamico, come lo stato di salute sia legato in modo biunivoco allo stato nutrizionale (OMS/WHO, 1998) attraverso due grandi variabili: quella psico-sociale e quella biologica. Di queste due macrocomponenti la variabile biologica risulta costituita da composizione corporea, bilancio energetico e funzioni corporee che sono valutabili dal nutrizionista attraverso metodiche invasive e metodiche non-invasive. Lo studio della composizione corporea è il miglior indicatore a lungo termine dello stato nutrizionale della persona poiché riflette la disponibilità pregressa di nutrienti. Queste caratteristiche risultano particolarmente evidenti in una popolazione altamente specifica e ben caratterizzata.
Continuum of Care nei Disturbi del Comportamento Alimentare e nell’Obesità. Allergie e intolleranze alimentari vere e false
9788862612999
Mattioli 1885
ITALIA
La composizione corporea: dal laboratorio alla clinica / Pellegrini, Massimo; Malavolti, Marcella; Busacchi, M; Battistini, Nino Carlo. - STAMPA. - 20:(2012), pp. 159-167.
Pellegrini, Massimo; Malavolti, Marcella; Busacchi, M; Battistini, Nino Carlo
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11380/708902
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact