Ritardo evitabile: è un problema solo extraospedaliero?