Honni soit qui mal y pense. Una prima risposta (e qualche domanda) a Mauro Barberis.