Ripensando al "contratto" matrimoniale canonico