Introduzione e obiettiviLo studio da noi effettuato, con disegno caso-controllo di popolazione, si è proposto di analizzare il ruolo di alcune misure antropometriche quali Body Mass Index (BMI) e Body Surface Area (BSA) nell’eziologia del melanoma cutaneo. MetodiAbbiamo identificato i casi di melanoma diagnosticati nel periodo 1999-2002 presso la Clinica Dermatologica del Policlinico di Modena, individuando quali controlli di popolazione residenti estratti a caso dalla popolazione generale della provincia di Modena, con un rapporto caso-controllo 1:1 ed appaiamento ai pazienti per età e sesso. Ad ogni soggetto partecipante abbiamo somministrato un questionario per la raccolta di informazioni relative alla dieta abituale, e di ciascuno abbiamo raccolto le misure di peso ed altezza. Abbiamo quindi calcolato gli indici BMI e BSA, quest’ultima utilizzando l’equazione di Mosteller (BSA(m2)=[altezza(cm) x peso(kg) / 3600]1/2). Abbiamo infine calcolato il rischio relativo di melanoma cutaneo associato ai quartili di BMI e BSA (sulla base della distribuzione nei controlli) utilizzando modelli di regressione logistica condizionata.RisultatiAbbiamo incluso nello studio 59 casi di melanoma e un pari numero di controlli. Il rischio relativo di melanoma associato a BMI e aggiustato per BSA e introito calorico è risultato essere, per il quartile più elevato verso il minore, pari a 0.5 (IC95% 0.2-2.1; P trend 0.393). Il rischio relativo di melanoma associato invece alla BSA, dopo aggiustamento per BMI e introito calorico, è risultato pari a 10.4 nel quartile più elevato (IC95% 1.1-101.4; P trend 0.042). Nell’analisi disaggregata per sesso, è emersa un’associazione tra BSA e rischio di melanoma pari a 5.1 nel quartile più elevato (IC95% 0.4-69.5; P trend 0.200) negli uomini e 6.3 nel quartile più elevato (IC95% 0.3-128.9; P trend 0.030) nelle donne.ConclusioniI risultati da noi ottenuti, pur tenendo conto dell’instabilità statistica delle stime di rischio dovute alle limitate dimensioni della popolazione esaminata, indicano come i diversi indici antropometrici predicano in modo sensibilmente differente il rischio di melanoma, e come l’area della superficie corporea rappresenti, soprattutto per le donne, un fattore di rischio di questa patologia.

Indici antropometrici e rischio di melanoma: uno studio caso-controllo di popolazione / Malagoli, Carlotta; Bergomi, Margherita; Seidenari, Stefania; Pellacani, Giovanni; Vinceti, Marco. - In: IGIENE E SANITÀ PUBBLICA. - ISSN 0019-1639. - ELETTRONICO. - 3:(2011), pp. S482-S482. ((Intervento presentato al convegno XII Conferenza Nazionale di Sanità Pubblica tenutosi a Roma nel 12-15 ottobre 2011.

Indici antropometrici e rischio di melanoma: uno studio caso-controllo di popolazione.

MALAGOLI, Carlotta;BERGOMI, Margherita;SEIDENARI, Stefania;PELLACANI, Giovanni;VINCETI, Marco
2011-01-01

Abstract

Introduzione e obiettiviLo studio da noi effettuato, con disegno caso-controllo di popolazione, si è proposto di analizzare il ruolo di alcune misure antropometriche quali Body Mass Index (BMI) e Body Surface Area (BSA) nell’eziologia del melanoma cutaneo. MetodiAbbiamo identificato i casi di melanoma diagnosticati nel periodo 1999-2002 presso la Clinica Dermatologica del Policlinico di Modena, individuando quali controlli di popolazione residenti estratti a caso dalla popolazione generale della provincia di Modena, con un rapporto caso-controllo 1:1 ed appaiamento ai pazienti per età e sesso. Ad ogni soggetto partecipante abbiamo somministrato un questionario per la raccolta di informazioni relative alla dieta abituale, e di ciascuno abbiamo raccolto le misure di peso ed altezza. Abbiamo quindi calcolato gli indici BMI e BSA, quest’ultima utilizzando l’equazione di Mosteller (BSA(m2)=[altezza(cm) x peso(kg) / 3600]1/2). Abbiamo infine calcolato il rischio relativo di melanoma cutaneo associato ai quartili di BMI e BSA (sulla base della distribuzione nei controlli) utilizzando modelli di regressione logistica condizionata.RisultatiAbbiamo incluso nello studio 59 casi di melanoma e un pari numero di controlli. Il rischio relativo di melanoma associato a BMI e aggiustato per BSA e introito calorico è risultato essere, per il quartile più elevato verso il minore, pari a 0.5 (IC95% 0.2-2.1; P trend 0.393). Il rischio relativo di melanoma associato invece alla BSA, dopo aggiustamento per BMI e introito calorico, è risultato pari a 10.4 nel quartile più elevato (IC95% 1.1-101.4; P trend 0.042). Nell’analisi disaggregata per sesso, è emersa un’associazione tra BSA e rischio di melanoma pari a 5.1 nel quartile più elevato (IC95% 0.4-69.5; P trend 0.200) negli uomini e 6.3 nel quartile più elevato (IC95% 0.3-128.9; P trend 0.030) nelle donne.ConclusioniI risultati da noi ottenuti, pur tenendo conto dell’instabilità statistica delle stime di rischio dovute alle limitate dimensioni della popolazione esaminata, indicano come i diversi indici antropometrici predicano in modo sensibilmente differente il rischio di melanoma, e come l’area della superficie corporea rappresenti, soprattutto per le donne, un fattore di rischio di questa patologia.
3
S482
S482
Malagoli, Carlotta; Bergomi, Margherita; Seidenari, Stefania; Pellacani, Giovanni; Vinceti, Marco
Indici antropometrici e rischio di melanoma: uno studio caso-controllo di popolazione / Malagoli, Carlotta; Bergomi, Margherita; Seidenari, Stefania; Pellacani, Giovanni; Vinceti, Marco. - In: IGIENE E SANITÀ PUBBLICA. - ISSN 0019-1639. - ELETTRONICO. - 3:(2011), pp. S482-S482. ((Intervento presentato al convegno XII Conferenza Nazionale di Sanità Pubblica tenutosi a Roma nel 12-15 ottobre 2011.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11380/679645
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact