Una riflessione sul ruolo politico del medico