Società multiculturale, persona e Costituzione: l’immigrato come pariah