CRONACA DI UNA MOSTRAIl contributo del Liceo Scientifico Statale “Gaspare Aselli”a “PERPSPECTIVA ARTIFICIALIS”La mostra, allestita negli spazi messi a disposizione dal Museo Civico di Cremona, fa intuire la ricchezza della disciplina matematico artistica e rivela tutto il fascino della prospettiva che, è il caso di dirlo, è sotto gli occhi di tutti, ma è normalmente relegata all’ambito scolastico.Quella che per l’Aselli è ormai una vocazione alla divulgazione scientifica ha trovato nelle proposte dell’Università di Modena una risposta di grande pregio, tanto da sentire forte il desiderio di integrarla con un proprio originale contributo. Ci si è detti:“Se la prospettiva è per ‘vedere’, facciamola vedere!”Si è pensato così di esporre, accanto alle macchine matematiche, stampe e opere pittoriche che usando sapientemente la prospettiva rivelassero le incredibili possibilità di applicazione delle regole geometriche.La nostra ricerca si è mossa nell’ambito della cultura cremonese tra le opere della Pinacoteca “Ala Ponzone Cimino” sia quelle esposte nelle sale, ma soprattutto, in quelle conservate nei depositi e raramente visibili. Sono stati esposte stampe e dipinti di epoche diverse, raffiguranti spazi prospettici che hanno valorizzato, con i loro scorci e con le loro linee di fuga, ambienti urbani prevalentemente cremonesi e anche eseguiti da pittori di scuola cremonese.Al di là degli strumenti e delle opere, i veri protagonisti della nostra attività sono gli studenti.La nostra esperienza ci ha insegnato che allestire mostre coinvolgendoli direttamente li fa sentire protagonisti consapevoli, generosamente disposti alla fatica di un ruolo impegnativo e fa emergere doti che la quotidianità della scuola spesso non mette in luce.L’allestimento dei laboratori è stata l’attività didatticamente più significativa e ha visto impegnati studenti e insegnanti nella preparazione di materiali (strumentazioni e cartelloni esplicativi), nella sistemazione degli stand e, come operatori, nella conduzione delle esperienze con i visitatori. Altrettanto formativo il ruolo rivestito dagli studenti come guide al percorso museale, nel continuo confronto con un pubblico inevitabilmente eterogeneo.

Perspectiva Artificialis: cronaca di una mostra / Bartolini, Maria Giuseppina; Maschietto, Michela; Associazione Macchine, Matematiche. - ELETTRONICO. - (2010).

Perspectiva Artificialis: cronaca di una mostra

BARTOLINI, Maria Giuseppina;MASCHIETTO, Michela;
2010

Abstract

CRONACA DI UNA MOSTRAIl contributo del Liceo Scientifico Statale “Gaspare Aselli”a “PERPSPECTIVA ARTIFICIALIS”La mostra, allestita negli spazi messi a disposizione dal Museo Civico di Cremona, fa intuire la ricchezza della disciplina matematico artistica e rivela tutto il fascino della prospettiva che, è il caso di dirlo, è sotto gli occhi di tutti, ma è normalmente relegata all’ambito scolastico.Quella che per l’Aselli è ormai una vocazione alla divulgazione scientifica ha trovato nelle proposte dell’Università di Modena una risposta di grande pregio, tanto da sentire forte il desiderio di integrarla con un proprio originale contributo. Ci si è detti:“Se la prospettiva è per ‘vedere’, facciamola vedere!”Si è pensato così di esporre, accanto alle macchine matematiche, stampe e opere pittoriche che usando sapientemente la prospettiva rivelassero le incredibili possibilità di applicazione delle regole geometriche.La nostra ricerca si è mossa nell’ambito della cultura cremonese tra le opere della Pinacoteca “Ala Ponzone Cimino” sia quelle esposte nelle sale, ma soprattutto, in quelle conservate nei depositi e raramente visibili. Sono stati esposte stampe e dipinti di epoche diverse, raffiguranti spazi prospettici che hanno valorizzato, con i loro scorci e con le loro linee di fuga, ambienti urbani prevalentemente cremonesi e anche eseguiti da pittori di scuola cremonese.Al di là degli strumenti e delle opere, i veri protagonisti della nostra attività sono gli studenti.La nostra esperienza ci ha insegnato che allestire mostre coinvolgendoli direttamente li fa sentire protagonisti consapevoli, generosamente disposti alla fatica di un ruolo impegnativo e fa emergere doti che la quotidianità della scuola spesso non mette in luce.L’allestimento dei laboratori è stata l’attività didatticamente più significativa e ha visto impegnati studenti e insegnanti nella preparazione di materiali (strumentazioni e cartelloni esplicativi), nella sistemazione degli stand e, come operatori, nella conduzione delle esperienze con i visitatori. Altrettanto formativo il ruolo rivestito dagli studenti come guide al percorso museale, nel continuo confronto con un pubblico inevitabilmente eterogeneo.
Bartolini, Maria Giuseppina; Maschietto, Michela; Associazione Macchine, Matematiche
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11380/646543
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact