Il saggio esamina gli aspetti più importanti della disciplina legislativa del contratto di lavoro ripartito (artt. 41-45, d.lgs. n. 276/2003). Esso si sofferma in primis sul concetto di "specialità" del contratto di lavoro in questione (art. 41, d.lgs. n. 276). L'Autore concorda con la maggior parte della dottrina sull’origine della specialità del lavoro ripartito: la specialità deriva dalla responsabilità solidale dei due lavoratori coobbligati nei confronti del datore di lavoro di modo che "ogni lavoratore resta personalmente e direttamente responsabile dell’adempimento dell’intera obbligazione lavorativa" (art. 41, 2° co., d.lgs. n. 276).Poi il saggio si sofferma sulla qualficazione giuridica dell'obbligazione di lavoro. Secondo l'Autore, il legislatore ha voluto configurare l’obbligazione di lavoro ripartito come obbligazione (soggettivamente complessa) con prestazione divisibile e ad attuazione solidale, o più semplicemente come obbligazione solidale passiva ad interesse comune; figura, questa, che si contrappone – a parte il carattere della divisibilità della prestazione – a quella dell’obbligazione (ad attuazione) parziaria di cui all’art. 1314 c.c., ai sensi del quale "ciascuno dei debitori non è tenuto a pagare il debito che per la sua parte". Un'attenzione particolare è dedicata infine dal saggio ai due principi fondamentali che sovraintendono alla disciplina di tutela del lavoratore ripartito: il principio di non discriminazione del lavoratore ripartito rispetto al lavoratore di pari livello, a parità di mansioni svolte; la prescrizione generale di assimilazione del lavoratore ripartito al lavoratore a tempo parziale per quanto attiene a una serie di istituti di previdenza sociale.

Il lavoro ripartito / Allamprese, Andrea. - STAMPA. - 1:(2009), pp. 1229-1252.

Il lavoro ripartito

ALLAMPRESE, Andrea
2009

Abstract

Il saggio esamina gli aspetti più importanti della disciplina legislativa del contratto di lavoro ripartito (artt. 41-45, d.lgs. n. 276/2003). Esso si sofferma in primis sul concetto di "specialità" del contratto di lavoro in questione (art. 41, d.lgs. n. 276). L'Autore concorda con la maggior parte della dottrina sull’origine della specialità del lavoro ripartito: la specialità deriva dalla responsabilità solidale dei due lavoratori coobbligati nei confronti del datore di lavoro di modo che "ogni lavoratore resta personalmente e direttamente responsabile dell’adempimento dell’intera obbligazione lavorativa" (art. 41, 2° co., d.lgs. n. 276).Poi il saggio si sofferma sulla qualficazione giuridica dell'obbligazione di lavoro. Secondo l'Autore, il legislatore ha voluto configurare l’obbligazione di lavoro ripartito come obbligazione (soggettivamente complessa) con prestazione divisibile e ad attuazione solidale, o più semplicemente come obbligazione solidale passiva ad interesse comune; figura, questa, che si contrappone – a parte il carattere della divisibilità della prestazione – a quella dell’obbligazione (ad attuazione) parziaria di cui all’art. 1314 c.c., ai sensi del quale "ciascuno dei debitori non è tenuto a pagare il debito che per la sua parte". Un'attenzione particolare è dedicata infine dal saggio ai due principi fondamentali che sovraintendono alla disciplina di tutela del lavoratore ripartito: il principio di non discriminazione del lavoratore ripartito rispetto al lavoratore di pari livello, a parità di mansioni svolte; la prescrizione generale di assimilazione del lavoratore ripartito al lavoratore a tempo parziale per quanto attiene a una serie di istituti di previdenza sociale.
I contratti di lavoro
9788859802594
Utet
ITALIA
Il lavoro ripartito / Allamprese, Andrea. - STAMPA. - 1:(2009), pp. 1229-1252.
Allamprese, Andrea
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11380/645314
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact