Il saggio ha per oggetto la regolazione giuridica del potere di organizzazione sul tempo di lavoro. In particolare vengono analizzate alcune forme giuridiche (derivanti non soltanto dalla disciplina dell’orario di lavoro ex d.lgs. n. 66/03) attraverso le quali si estrinseca il potere organizzativo imprenditoriale di flessibilizzare il tempo di lavoro.Il tema in questione esige ovviamente una indagine accurata dei limiti e condizioni apposti all’esercizio di questo potere, desumibili sia dalla regolazione legislativa, secondo l’interpretazione della giurisprudenza, sia dalla contrattazione collettiva. Con il d.lgs. n. 66/03 vi è un consolidamento dell’orario multiperiodale, per cui la variazione della sua regolamentazione è affidata per intero alla contrattazione collettiva; di qui il quesito se il prestatore di lavoro possa, nel caso in cui la clausola collettiva attribuisca al datore di lavoro la facoltà di variare la collocazione temporale della prestazione, opporsi a tale modifica della disciplina contrattuale originaria dell’orario, derivante dall’applicazione della nuova disposizione collettiva. La tesi sostenuta nel saggio è quella dell’applicazione analogica dell’art. 10, co. 1, l. n. 300/1970 in tutti i casi in cui il prestatore di lavoro possa far valere esigenze personali o familiari di non minore rilevanza sociale e costituzionale di quelle proprie del lavoratore studente; e ciò non solo in materia di collocazione temporale della prestazione, ma anche in materia di orario multiperiodale, la cui regolamentazione è espressamente affidata dal legislatore all’autonomia privata di tipo collettivo.

Tempo della prestazione e poteri del datore di lavoro / Allamprese, Andrea. - In: ADL. ARGOMENTI DI DIRITTO DEL LAVORO. - ISSN 1126-5760. - STAMPA. - 2:(2007), pp. 341-366.

Tempo della prestazione e poteri del datore di lavoro

ALLAMPRESE, Andrea
2007

Abstract

Il saggio ha per oggetto la regolazione giuridica del potere di organizzazione sul tempo di lavoro. In particolare vengono analizzate alcune forme giuridiche (derivanti non soltanto dalla disciplina dell’orario di lavoro ex d.lgs. n. 66/03) attraverso le quali si estrinseca il potere organizzativo imprenditoriale di flessibilizzare il tempo di lavoro.Il tema in questione esige ovviamente una indagine accurata dei limiti e condizioni apposti all’esercizio di questo potere, desumibili sia dalla regolazione legislativa, secondo l’interpretazione della giurisprudenza, sia dalla contrattazione collettiva. Con il d.lgs. n. 66/03 vi è un consolidamento dell’orario multiperiodale, per cui la variazione della sua regolamentazione è affidata per intero alla contrattazione collettiva; di qui il quesito se il prestatore di lavoro possa, nel caso in cui la clausola collettiva attribuisca al datore di lavoro la facoltà di variare la collocazione temporale della prestazione, opporsi a tale modifica della disciplina contrattuale originaria dell’orario, derivante dall’applicazione della nuova disposizione collettiva. La tesi sostenuta nel saggio è quella dell’applicazione analogica dell’art. 10, co. 1, l. n. 300/1970 in tutti i casi in cui il prestatore di lavoro possa far valere esigenze personali o familiari di non minore rilevanza sociale e costituzionale di quelle proprie del lavoratore studente; e ciò non solo in materia di collocazione temporale della prestazione, ma anche in materia di orario multiperiodale, la cui regolamentazione è espressamente affidata dal legislatore all’autonomia privata di tipo collettivo.
2
341
366
Tempo della prestazione e poteri del datore di lavoro / Allamprese, Andrea. - In: ADL. ARGOMENTI DI DIRITTO DEL LAVORO. - ISSN 1126-5760. - STAMPA. - 2:(2007), pp. 341-366.
Allamprese, Andrea
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
00_Copertina_Estratti.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione dell'editore (versione pubblicata)
Dimensione 104.89 kB
Formato Adobe PDF
104.89 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
02_Allamprese_341_366.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione dell'editore (versione pubblicata)
Dimensione 163.08 kB
Formato Adobe PDF
163.08 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11380/644894
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact