Il cosiddetto “collegato lavoro” e la disciplina dei licenziamenti: un quadro in chiaroscuro