L’intervento costituisce un’analisi relativa alla rilevanza giuridica delle qualità soggettive che caratterizzano la persona del datore di lavoro. In particolare, nell’attuale disciplina del rapporto, e` dato cogliere una pluralità di segnali che vanno nella direzione di una progressiva spersonalizzazione del datore di lavoro. A fronte di questa spersonalizzazione, tuttavia, e` quasi banale osservare che il fatto di prestare attività lavorativa nei confronti di un determinato datore di lavoro anziché di un altro può non essere sempre e del tutto indifferente.Di qui l’importanza dell’atteggiarsi dell’elemento fiduciario, da un lato e, dall’altro lato, la presa di coscienza che la valorizzazione delle caratteristiche soggettive del datore di lavoro e` direttamente proporzionale alla dilatazione del contenuto della prestazione lavorativa e della nozione di diligenza cui attualmente si assiste.

Intervento [La figura del datore di lavoro. Articolazioni e trasformazioni. In ricordo di Massimo D’Antona, dieci anni dopo] / Levi, Alberto. - STAMPA. - 44:(2010), pp. 302-306. ((Intervento presentato al convegno La figura del datore di lavoro. Articolazioni e trasformazioni. In ricordo di Massimo D’Antona, dieci anni dopo. Congresso nazionale di diritto del lavoro tenutosi a Catania nel 21-23 maggio 2009.

Intervento [La figura del datore di lavoro. Articolazioni e trasformazioni. In ricordo di Massimo D’Antona, dieci anni dopo]

LEVI, Alberto
2010

Abstract

L’intervento costituisce un’analisi relativa alla rilevanza giuridica delle qualità soggettive che caratterizzano la persona del datore di lavoro. In particolare, nell’attuale disciplina del rapporto, e` dato cogliere una pluralità di segnali che vanno nella direzione di una progressiva spersonalizzazione del datore di lavoro. A fronte di questa spersonalizzazione, tuttavia, e` quasi banale osservare che il fatto di prestare attività lavorativa nei confronti di un determinato datore di lavoro anziché di un altro può non essere sempre e del tutto indifferente.Di qui l’importanza dell’atteggiarsi dell’elemento fiduciario, da un lato e, dall’altro lato, la presa di coscienza che la valorizzazione delle caratteristiche soggettive del datore di lavoro e` direttamente proporzionale alla dilatazione del contenuto della prestazione lavorativa e della nozione di diligenza cui attualmente si assiste.
La figura del datore di lavoro. Articolazioni e trasformazioni. In ricordo di Massimo D’Antona, dieci anni dopo. Congresso nazionale di diritto del lavoro
Catania
21-23 maggio 2009
44
302
306
Levi, Alberto
Intervento [La figura del datore di lavoro. Articolazioni e trasformazioni. In ricordo di Massimo D’Antona, dieci anni dopo] / Levi, Alberto. - STAMPA. - 44:(2010), pp. 302-306. ((Intervento presentato al convegno La figura del datore di lavoro. Articolazioni e trasformazioni. In ricordo di Massimo D’Antona, dieci anni dopo. Congresso nazionale di diritto del lavoro tenutosi a Catania nel 21-23 maggio 2009.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2010 Intervento Aidlass.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione dell'editore (versione pubblicata)
Dimensione 230.33 kB
Formato Adobe PDF
230.33 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11380/642362
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact