Specchi deformanti: riflessioni sul tradurre