Il linguaggio letterale e figurato nelle descrizioni dell’esperienza sensoriale: l’olfatto è davvero un senso ‘senza parole’?