Gramsci e il socialismo europeo tra guerra e dopoguerra