La sintassi come segnale di relazione storica