La maggior parte degli edifici dei centri storici italiani presentano tetti a falde inclinate. Poiché i locali posti immediatamente sotto i tetti sono spesso abitati, la combinazione dei tipici rivestimenti in tegole o coppi di terracotta, caratterizzati da limitata capacità di riflettere l'irradiazione solare, e delle strutture lignee dei tetti, contraddistinte da ridotta inerzia termica, fa del surriscaldamento estivo di attici e ambienti mansardati un problema di non poco conto. Tale problema può essere affrontato adottando tegole trattate superficialmente con "cool colors", cioè con rivestimenti aventi la stessa risposta spettrale nel visibile delle tegole di terracotta, e quindi lo stesso colore, ma in grado di riflettere molta più energia nella banda spettrale dell’infrarosso vicino, in cui è compresa oltre la metà dell’energia apportata dall'irradiazione solare.Studi volti a sviluppare cool colors per rivestimenti delle coperture di edifici tradizionali italiani sono stati avviati presso il Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Civile dell’Università di Modena e Reggio Emilia. Alcuni rivestimenti con il tipico colore rosso terracotta sono stati prodotti e testati in laboratorio, privilegiando l’utilizzo di materiali di base di facile reperibilità. La riflettività spettrale e la riflettanza complessiva alla radiazione solare sono state misurate e confrontate con quelle caratteristiche della superficie di normali tegole in terracotta.

Analisi della riflettanza spettrale di coating polimerici per cool colors / Libbra, Antonio; Muscio, Alberto. - STAMPA. - (2008), pp. 15-21. ((Intervento presentato al convegno XIV Convegno A.I.P.T. tenutosi a Ancona nel 3 ottobre 2008.

Analisi della riflettanza spettrale di coating polimerici per cool colors

LIBBRA, Antonio;MUSCIO, Alberto
2008-01-01

Abstract

La maggior parte degli edifici dei centri storici italiani presentano tetti a falde inclinate. Poiché i locali posti immediatamente sotto i tetti sono spesso abitati, la combinazione dei tipici rivestimenti in tegole o coppi di terracotta, caratterizzati da limitata capacità di riflettere l'irradiazione solare, e delle strutture lignee dei tetti, contraddistinte da ridotta inerzia termica, fa del surriscaldamento estivo di attici e ambienti mansardati un problema di non poco conto. Tale problema può essere affrontato adottando tegole trattate superficialmente con "cool colors", cioè con rivestimenti aventi la stessa risposta spettrale nel visibile delle tegole di terracotta, e quindi lo stesso colore, ma in grado di riflettere molta più energia nella banda spettrale dell’infrarosso vicino, in cui è compresa oltre la metà dell’energia apportata dall'irradiazione solare.Studi volti a sviluppare cool colors per rivestimenti delle coperture di edifici tradizionali italiani sono stati avviati presso il Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Civile dell’Università di Modena e Reggio Emilia. Alcuni rivestimenti con il tipico colore rosso terracotta sono stati prodotti e testati in laboratorio, privilegiando l’utilizzo di materiali di base di facile reperibilità. La riflettività spettrale e la riflettanza complessiva alla radiazione solare sono state misurate e confrontate con quelle caratteristiche della superficie di normali tegole in terracotta.
XIV Convegno A.I.P.T.
Ancona
3 ottobre 2008
15
21
Libbra, Antonio; Muscio, Alberto
Analisi della riflettanza spettrale di coating polimerici per cool colors / Libbra, Antonio; Muscio, Alberto. - STAMPA. - (2008), pp. 15-21. ((Intervento presentato al convegno XIV Convegno A.I.P.T. tenutosi a Ancona nel 3 ottobre 2008.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11380/636498
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact