Lo sport, e sommamente il calcio, nel nostro paese è uno dei temi pervasivi del discorso sociale. Dal vecchio Bar Sport nelle sue metamorfosi attuali fino all’ampio spazio mediale occupato dalla stampa specializzata e dalle corpose sezioni dedicate in quella normale, attese e pronostici, radio, tele e web cronache e infiniti commenti di partite, è difficile non percepire il sottofondo di questo rumore a tratti assordante, non finire imbottigliati nelle strade intasate dal traffico attorno allo stadio, non imbattersi in conversazioni o anche semplici allusioni fra tifosi, non essere coinvolti dal destino del ginocchio di un campione, del cuore spezzato da un altro, dei loro compensi milionari, dei loro gesti a tratti inconsulti, degli scandali, dalle morti e dalle resurrezioni. Non restare sbigottiti di fronte agli scoppi improvvisi di guerri- glia urbana provocati dai tifosi, ai morti sul campo. In Italia la «Gazzetta dello Sport» è uno dei quotidiani tuttora maggiormen- te venduti.Splendori e miserie di un mondo parallelo e penetrante, per chi crede di non esserne coinvolto. Del mondo vero, per chi ne fa o se ne sente parte. E naturalmente non c’è solo il calcio. Lo ri- corda la dimensione di evento globale assunto dalle Olimpiadi, la quantità e l’esotismo delle nuove discipline che ogni volta vi12Isabella Pezzinisono riconosciute. D’altra parte, stavolta nella dimensione dello sport come pratica, impressiona la diffusione capillare delle pale- stre e dei centri fitness, delle macchine per allenarsi in casa e in ufficio, delle persone che corrono per strada ovunque e in ogni stagione.Eppure, se certo non mancano studi e ricerche sui vari aspetti dello sport, dal punto di vista delle diverse discipline, la rifles- sione teorica su questi temi non sembra avere la centralità che meriterebbe. Forse perché lo sport è già troppo ed ovunque, e difficile è arginarne, organizzarne il campo? Il suo universo in- clude già un’imponente dimensione metasportiva, anche qui con i suoi poeti e prosatori, come rilevava Pier Paolo Pasolini? O non è piuttosto la fondamentale componente ludica, che si ritrae e re- siste davanti ad analisi troppo accademiche?

Navigare nei territori sconosciuti: Orienteering e Adventuring con le carte / Coppock, Patrick John. - STAMPA. - 3:(2010), pp. 108-118.

Navigare nei territori sconosciuti: Orienteering e Adventuring con le carte

COPPOCK, Patrick John
2010

Abstract

Lo sport, e sommamente il calcio, nel nostro paese è uno dei temi pervasivi del discorso sociale. Dal vecchio Bar Sport nelle sue metamorfosi attuali fino all’ampio spazio mediale occupato dalla stampa specializzata e dalle corpose sezioni dedicate in quella normale, attese e pronostici, radio, tele e web cronache e infiniti commenti di partite, è difficile non percepire il sottofondo di questo rumore a tratti assordante, non finire imbottigliati nelle strade intasate dal traffico attorno allo stadio, non imbattersi in conversazioni o anche semplici allusioni fra tifosi, non essere coinvolti dal destino del ginocchio di un campione, del cuore spezzato da un altro, dei loro compensi milionari, dei loro gesti a tratti inconsulti, degli scandali, dalle morti e dalle resurrezioni. Non restare sbigottiti di fronte agli scoppi improvvisi di guerri- glia urbana provocati dai tifosi, ai morti sul campo. In Italia la «Gazzetta dello Sport» è uno dei quotidiani tuttora maggiormen- te venduti.Splendori e miserie di un mondo parallelo e penetrante, per chi crede di non esserne coinvolto. Del mondo vero, per chi ne fa o se ne sente parte. E naturalmente non c’è solo il calcio. Lo ri- corda la dimensione di evento globale assunto dalle Olimpiadi, la quantità e l’esotismo delle nuove discipline che ogni volta vi12Isabella Pezzinisono riconosciute. D’altra parte, stavolta nella dimensione dello sport come pratica, impressiona la diffusione capillare delle pale- stre e dei centri fitness, delle macchine per allenarsi in casa e in ufficio, delle persone che corrono per strada ovunque e in ogni stagione.Eppure, se certo non mancano studi e ricerche sui vari aspetti dello sport, dal punto di vista delle diverse discipline, la rifles- sione teorica su questi temi non sembra avere la centralità che meriterebbe. Forse perché lo sport è già troppo ed ovunque, e difficile è arginarne, organizzarne il campo? Il suo universo in- clude già un’imponente dimensione metasportiva, anche qui con i suoi poeti e prosatori, come rilevava Pier Paolo Pasolini? O non è piuttosto la fondamentale componente ludica, che si ritrae e re- siste davanti ad analisi troppo accademiche?
Mitologie dello Sport. 40 saggi brevi
9788861344273
Edizioni Nuova Cultura
ITALIA
Navigare nei territori sconosciuti: Orienteering e Adventuring con le carte / Coppock, Patrick John. - STAMPA. - 3:(2010), pp. 108-118.
Coppock, Patrick John
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.
Pubblicazioni consigliate

Caricamento pubblicazioni consigliate

Licenza Creative Commons
I metadati presenti in IRIS UNIMORE sono rilasciati con licenza Creative Commons CC0 1.0 Universal, mentre i file delle pubblicazioni sono rilasciati con licenza Attribuzione 4.0 Internazionale (CC BY 4.0), salvo diversa indicazione.
In caso di violazione di copyright, contattare Supporto Iris

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11380/636478
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact